TrackMania Turbo

Quando si spengono i riflettori sulla simulazioni, sulla fisica raffinata e sui mille setup per limare decimi al giro rimane soltanto il puro divertimento. Rimane soltanto TrackMania Turbo.

Mettiamo il caso che abbiate voglia di trascorrere qualche ora spensierata con la vostra consolle di fiducia, spaparanzati sul divano, pad in mano e zero interesse nel dimenarvi tra configurazioni, settaggi, telemetrie e valvole. Mettiamo il caso che, in questi ultimi anni, il genere delle corse automobilistiche sia inflazionato di titoli che rincorrono la simulazione ad ogni costo ma che voi non abbiate alcuna voglia di imparare a memoria quel maledetto circuito o di ricordare a menadito i giri motore a cui affrontare ogni curva a Monza. Mettiamo il caso che, colti da estremo sconforto, decideste di abbandonare definitivamente l'adrenalinico mondo delle corse. Mettiamo il caso che Ubisoft abbia ben pensato di accontentare tutti voi (anzi, noi!) con TrackMania Turbo, un titolo che ha ben poco da spartire con i blasonati Forza Motorsport, Gran Turismo, Project Cars e compagnia bella ma che, con una ricetta semplice semplice, riesce a farsi amare un po' da tutti.
Il punto di forza della saga TrackMania è sempre stato l'elevato livello di adrenalina da cui viene investito (visto l'argomento, passateci il termine) il giocatore; nessun setup estremo da regolare, nessuna regola da tenere in mente se non pigiare sull'acceleratore e cercare di essere, in ogni gara, il migliore!

Sin dal primo tracciato della modalità Campagna ci ritroveremo immersi all'interno di un mondo di gioco costituito essenzialmente da velocità e tracciati bizzarri; salti lunghi centinaia di metri, paraboliche da affrontare a tutto gas, tornati e giri della morte sono la base di ogni circuito su cui ci ritroveremo a sfrecciare con i nostri bolidi. L'unico avversario sarà soltanto il cronometro, avversario ben più ostico di ogni elemento in pista.

La formula, anche in questa sfavillante incarnazione nextgen, è identica a quella già vista nei precedenti capitoli: tre medaglie da acquisire per ogni tracciato, tre tempi da battere per ogni medaglia. E poi, divertimento, tanto divertimento.
A sottolineare lo spirito arcade di TrackMania, ecco la semplicissima configurazione del pad: un tasto per accelerare e uno per frenare a cui si aggiunge, in classico stile "trial and error" un tasto per il respawn del veicolo. Immediatezza, quindi, un'altra parola d'ordine alla base del gameplay senza fronzoli messo in piedi da Ubisoft.
Immancabili, per un titolo del genere, le modalità competitive con altri giocatori in carne ed ossa: Hot Seat, Arcade, Split Screen e Segreto. Tramite queste differenti modalità di gioco sarà possibile imbastire sfide di ogni tipo; dal vecchio sistema a turni di Geof Crammondiana memoria, allo split screen con 4 giocatori contemporaneamente a schermo. Il divertimento, già elevato nella modalità in solitaria, si moltiplica con l'aumentare del numero dei giocatori accomodati sul nostro divano. Pizze e birre incluse!

A tutto questo divertimento vanno aggiunte le modalità multiplayer online, immancabili per un titolo del genere, che aumentano a dismisura la longevità di un titolo già di per sé ben dotato. Sfidare altri folli piloti, a livello mondiale, metterà a dura prova le vostre abilità di guida e, spesso, anche il vostro caro e sistema nervoso. Capiterà di frequente di ritrovarsi a perdere una gara semplicemente per una deratpata di troppo o per una curva presa in tiro. Il livello di sfida elevato nell'online è però un motivo in più per migliorarsi e per aumentare le ore di gioco di un titolo che, grazie alla competizione pura, riesce ad attingere ad un bacino d'utenza che comprende anche i giocatori più smaliziati che, questa volta, dovranno dimostrare la loro abilità ad armi pari e senza poter sfruttare le conoscenze aerodinamiche, meccaniche e di setup di un bolide da corsa.
Dal punto di vista tecnico TrackMania riesce a deliziare gli occhi con un framerate stabile a 60 fps e un colpo d'occhio notevole sulle ambientazini di gioco. Che ci si ritrovi a sfrecciare lungo i canyon dell'Arizona o tra le montagne rocciose di nonsobenequalepartedelmondo, il risultato è sempre molto gradevole e ricco d'atmosfera. Chiaramente c'era da aspettarselo, i processori non sono particolarmente oberati da calcoli di fisica estrema e possono quindi spingere sul comparto grafico, sempre solido.

Voto: 
8.5
Giudizio: 

Andiamo subito al dunque: chi ama il mondo delle corse DEVE giocare a TrackMania... e anche chi odia il mondo delle corse. Sì, perché TrackMania è qualcosa di meno del solito simulatore di guida ma, allo stesso tempo, è qualcosa di (molto) di più. E' divertimento allo stato puro. E' adrenalina, voglia di migliorarsi, velocità. TrackMania è il titolo perfetto da inserire quando si vogliono spendere ore di sano divertimento o anche soltanto pochi minuti, in attesa che la compagna esca dalla doccia. Non acquistarlo sarebbe un vero, vero, peccato.

Commenti