Mortal Kombat X

Rispolveriamo le nostre tutine da ninja e le stellette d'acciaio! E' arrivato il momento di tornare al combattimento più duro e appassionante della storia del videogame! Signore e signori, e' di nuovo tra noi il beat'em up più apprezzato degli ultimi decenni! E' arrivato Mortal Kombat X!

Quando si parla di giochi legati al mondo del combattimento, nonostante i nuovi titoli siano sempre di qualità superiore (Injustice su tutti), non si può fare a meno di parlare di alcune tra le saghe più longeve della storia videoludica. Se Streetfighter e Tekken hanno segnato a loro modo un epoca, non si può dire di meno di un'altra epica saga, più volte riportata sul grande schermo: stiamo parlando dell'amatissima serie di Mortal Kombat, anche quest'anno pronta a permetterci di distruggere i nostri poveri pad e i nostri miseri polpastrelli! Affidata alle sapienti mani della Netherealm (uno sviluppatore non asiatico, avete capito bene...), la nuova incarnazione del famosissimo picchiaduro prodotto dalla Warner promette scintille...

Tanto per cominciare, parliamo subito dell'innovazione più importante proposta da Mortal KOmbat X: i personaggi sono stati ridotti in numero ma, di contro, vengono proposte tre varianti per ogni singolo combattente. Ognuna di queste variazioni si porterà dietro un diverso stile di combattimento che si rifletterà sulle mosse eseguibili e sulle combo personalizzate di ogni singolo personaggio. Le combo, già: anche in questo caso alla Netherealm hanno fatto un buon lavoro, con un sistema di mosse abbastanza facile, con movimenti eseguibili anche dai meno esperti, Senza considerare la presenza di una barra, la X Ray già vista nel percedente capitolo, che consentirà in qualsiasi momento (sempre che sia tutta bella piena...) di bloccare la combo in cui ci stavamo esibendo. Questa scelta regala una bella dose di profondità strategica, consentendoci di modificare il nostro attacco in funzione delle ultime mosse del nemico e, soprattutto, evitando di lasciarci impantanati in movimenti che ci porterebbero a sconfitta certa. Come dite? La storia? Beh, in tutta onestà una storia c'è e riparte proprio da dove avevamo abbandonato i protagonisti alla fine della precedente edizione... Ma diciamoci la verità: in un gioco del genere a chi interessa la trama?

Dal versante innovativo, sono da segnalare le infinite sottoquest che ci permetteranno di trovare punti sviluppo, abiti alternativi e nuove fatality. Già, perchè, ovviamente, come in ogni buon Mortal Kombat che si rispetti, anche per la versione X sono state inserite le mosse più disparate per annichilire i nostri avversari quando sono prossimi al tappeto. Piuttosto, in questo nuovo sforzo di Netherealm sono state reinserite le brutality di anninovantiana memoria. In parole povere, si tratta di mosse più rapide per terminare i nemici che però assicurano una spettacolarità e un livello di splatter senza pari! Le modalità presenti in Mortal Kombat X sono svariate: ovviamente, a farla da padrone è la storia principale. Anzi, a onor del vero, bisogna dire che gli sviluppatori si sono concentrati su questa parte del gioco in un modo mai visto prima, con un single player estremamente convincente e ben congegnato. Se da un lato, però, la modalità storia regala soddisfazioni, dall'altro salta subito all'occhio una triste carenza. Alla Netherealm, infatti, hanno scelto di eliminare la tanta amata Tower of Challenge, lasciando comunque inalterate le torri classiche presenti già dalla prima edizione del titolo, con livelli di sfida sempre crescenti. Peccato, sicuramente una lacuna che farà storcere il naso ai puristi.

Dal lato gameplay puro, Mortal Kombat X è una goduria. Come già detto, le combo sono intuitive e l'esecuzione delle mosse è sempre precisa. Anche la difficoltà del single player è veramente ben calibrata, permettendoci di arrivare alla fine del gioco con un'esperienza che ci consentirà di sconfiggere anche gli avversari più forti. Il multiplayer è davvero immersivo, con un mondo virtuale popolato densamente e con una bella possibilità di scontrarsi con avversari dalle caratteristiche sempre differenti. Peccato soltanto per il lag che affligge le partite on line. Sicuramente il problema verrà risolto in tempi brevi con l'uscita di una patch, ma la scelta di ottimizzare in corsa il reparto multiplayer innervosisce non poco. Così come fa storcere il naso la volontà di commercializzare all'ennesima potenza un titolo che avrà già un suo pronto riscontro monetario. I personaggi, ad esempio, non sono poi tanti ed è gia chiaro dal numero di lottatori presenti ma non sbloccabili, che alla Warner sforneranno miliardi di dlc con il vostro alter ego preferito (a cominciare dal bracciuto Goro, presente soltanto nell'edizione Day One...)

Per quanto riguarda grafica e sonoro siamo ancora su livelli davvero molto alti. Dal lato visivo Mortal Kombat X è una gioia per gli occhi. I personaggi sono modellati egregiamente e gli scenari sono spesso mozzafiato, inducendo più volte il giocatore a distrarsi per osservarne la bellezza. Anche l'audio non è da meno, con musiche ed effetti di ottima fattura e, soprattutto, con un doppiaggio finalmente ai livello che competono a una produzione così ambiziosa.

Voto: 
8.9
Giudizio: 

Mortal Kombat X è un titolo che non mancherà di stregare gli appassionati dei picchiaduro e che, grazie alla superba fattura e all'elevata giocabilità, riuscirà a catturare anche i giocatori occasionali. Le mosse sono complete e tranquillamente eseguibili anche dai non esperti, i comandi rispondono alla prefezione, l'ambiente di gioco è riprodotto egregiamente, la grafica è da urlo, il sonoro è davvero ben fatto e il muliplayer (a meno di un fastidioso lag con le connessioni più lente) regalerà soddisfazioni. Peccato per i troppi personaggi da acquistare ma, alla fin fine, è il prezzo che bisogna pagare per un titolo così appassionante e complesso.

Commenti