LEGO Batman 3: Gotham e Oltre

Il ritorno in grandissimo stile di Lego Batman, se siete fan di Batman o della saga "giochi Lego" questo gioco potrebbe davvero fare al caso vostro.

Da semplici mattoncini di plastica a vere e proprie meraviglie dell’arte. Che siano giochi per bambini, pezzi da museo, roba da nerd o ancora videogiochi, i LEGO affascinano, c’è poco da fare. Ormai non si può più parlare di LEGO semplicemente come giocattoli; LEGO è qualcosa di più ed in LEGO Batman 3: Gotham e Oltre avremo modo di ampliare la nostra stima verso i mattoncini colorati.

La storia
Pur essendo un seguito diretto del secondo capitolo, LEGO Batman 3 potrà esser giocato con tranquillità anche da chi non ha avuto modo di giocare i precedenti episodi. La sequenza introduttiva saprà infatti introdurre alla perfezione lo stato dell’arte: Brainiac sta per dare il via al suo piano di dominio dell’universo, catturando tutti gli anelli del Corpo delle Lanterne per rimpicciolire i pianeti che gli capiteranno a tiro e inserirli così nella sua collezione. Ricevuta la notizia, Batman non si unirà subito alla Justice League per tantare di fermare il piano del nemico.

Il gioco, interamente doppiato in italiano, presenta le ormai consolidate meccaniche della serie LEGO e ci presenterà ben 150 personaggi rendendo LEGO Batman 3 una delle più grandi produzioni legate all’universo DC Comics.

Il gioco
Il gioco è pieno di chicche, così come già visto ad esempio in LEGO Marvel Super Heroes. Pensate che saremo in grado di incontrare più volte il leggendario Adam West, assumerne addirittura il controllo all’interno di uno scenario direttamente ispirato alla serie televisiva famosa negli anni ’60. Ma questa è solo una delle delizie che i fan di Batman potranno godere all’interno dell’intera storia.
La struttura del gioco ricalca quasi per intero quella dei titoli TT Games, senza apportare grosse novità. Ci ritroviamo quindi davanti ad un platform tridimensionale che alterna il ritmo di gioco con enigmi interessanti (seppur semplici), combattimenti corpo a corpo, sessioni a bordo di veicoli e diversi minigiochi (tra cui uno palesemente ispirato al famoso Tron). L’azione di gioco scorre però in modo molto più fluido e naturale rispetto al solito, dal momento che è stata implementata la possibilità di utilizzare i costumi di Batman e Robin in qualsiasi momento, eliminando del tutto le scomode e limitanti piattaforme del precedente episodio.
Ogni costume consente l’utilizzo di nuovi poteri, garantendo sempre innovazione durante le partite. I vari personaggi poi sono caratterizzati ciascuno da un set di mosse completamente differente ispirati fedelmente alle movenze tipiche dei personaggi delle serie a fumetti.

Tecnicamente
Pur non essendo un gioco che richiede un livello grafico alto, in LEGO Batman3: Gotham e Oltre i ragazzi della TT Games son riusciti, con la potenza delle console next-gen, a raggiungere un livello veramente inaspettato per il tipo di gioco. Ottimi gli effetti luce e la modellazione. Perfette le animazioni così come le scene di intermezzo. Ci saranno momenti che la finzione vi sembrerà realtà! Il sonoro è all’altezza di quello che ormai non è più un “gioco per bambini” ma un titolo altisonante che merita più del rispetto che si sta guadagnando. Ottima soprattutto la localizzazione in italiano che permette (nonostante la non proprio impeccabile interpretazione dei doppiatori) di godere il gioco in maniera fluida e veloce.

Voto: 
8.0
Giudizio: 

LEGO: Batman 3 è esattamente cioè che ci stavamo aspettando: un titolo che racchiude in sé tutto ciò che di buono abbiamo visto nel tempo nei giochi LEGO aggiungendo un roster di personaggi immenso e un livello di dettaglio maniacale per offrire uno dei più completi pacchetti sull’affascinante universo DC Comics. Soprattutto per i fan del Cavaliere Oscuro, LEGO: Batman 3 è un titolo assolutamente da giocare e che adorerete.

Commenti

Contenuti correlati

Recensione - 06/07/2015 - LEGO Jurassic World
Recensione - 24/06/2014 - Murdered: Soul Suspect
Recensione - 25/11/2014 - Assassin's Creed: Rogue
Recensione - 17/03/2014 - Thief