Anteprima P.A.M.E.L.A.

Prendete System Shock, immaginatelo open world e aggiungeteci gli elementi base di un survival horror. Questo è quello che dovete aspettarvi da P.A.M.E.L.A.

P.A.M.E.L.A. è stato uno dei progetti più promettenti mostrati durante la GDC 2016 ormai ben due anni fa. Da allora il gioco è stato costantemente aggiornato e migliorato anche grazie al supporto della community Steam che ha potuto acquistare il gioco in versione Early Access fin da subito. Con l’ultimo recente aggiornamento lo sviluppo ha quasi raggiunto la fase finale e manca davvero molto poco all’uscita della versione definitiva. Vediamo dunque com’è la situazione allo stato attuale e verifichiamo le potenzialità di questo gioco.

Come già detto in precedenza, P.A.M.E.L.A. è uno sparatutto open world in prima persona ambientato in una utopica città futuristica chiamata Eden. Oltre ad avere una notevole somiglianza con System Shock, i terrificanti ambienti claustrofobici ricordano inevitabilmente la serie Bioshock ma nonostante le similitudini non siamo di fronte ad uno spudorato clone assemblato alla meglio. Anzi, P.A.M.E.L.A. ha un’identità unica e ben precisa. Il gameplay è quello di un sandbox open world con un sistema di progressione simile ad un gioco di ruolo ed una storia da scoprire esplorando la città. 

Lo scopo principale del gioco è sopravvivere e una delle prime cose da fare sarà creare un rifugio sicuro. Il mondo intorno a noi è pieno di oggetti utili (forse anche troppi) e grazie ad un’ottima interfaccia di costruzione, saremo in grado di allestire un piccolo accampamento in pochi minuti. Come nella stragrande maggioranza dei giochi di sopravvivenza dopo aver creato la nostra “dimora” temporanea, inizia la fase esplorativa alla ricerca di cibo e acqua per mantenere in salute il nostro personaggio. 

Durante la nostra prova, abbiamo esplorato una vasta area di gioco ma nonostante fossimo immersi in un mondo apparentemente terrificante, non ci sono mai stati dei momenti di vera paura. I mostri incontrati durante il nostro percorso non hanno quasi mai opposto resistenza e con un minimo di manualità siamo riusciti facilmente ad evitare i loro attacchi. Anche il comparto audio non è stato sfruttato al meglio e nonostante l’aspetto visivo molto tetro e credibile, non abbiamo mai sentito rumori sinistri, urla o effetti sonori che ci hanno intimorito.

Tirando le somme, P.A.M.E.L.A. allo stato attuale è solamente uno dei tanti giochi in Early Access pieni di potenziale inespresso. La città di Eden è molto interessante da esplorare, il sistema di gestione sembra poter offrire un sacco di possibilità e la sensazione di angoscia generale ci accompagna durante tutto il gioco. Se gli sviluppatori riuscissero a sistemare tutti i problemi principali, in particolare modo l’IA atroce dei nemici e la quasi totale mancanza di suoni, P.A.M.E.L.A. potrebbe facilmente diventare un gioco di qualità. Tuttavia, in questo momento, c’è ancora tanto lavoro da fare e crediamo che bisognerà attendere ancora qualche mese prima di poter vedere il potenziale di P.A.M.E.L.A. pienamente sfruttato. Nel frattempo non vi resta che attendere l’uscita ufficiale del gioco oppure, se siete interessati, accaparrarvi una copia Early Access su Steam e partecipare allo sviluppo, segnalando problemi o suggerendo idee agli sviluppatori.

VOTO
0.00
GIUDIZIO

Trattandosi di un gioco ancora in via di sviluppo, preferiamo attendere l'uscita ufficiale prima di esprimere un giudizio definitivo su P.A.M.E.L.A.