17. Migliorare l'accessibilità del computer

Migliorare l’accessibilità del computer

Abbattere le barriere architettoniche nel mondo dell'informatica? Si può, ecco come...

Ci sono anche molti programmi specifici sviluppati per venire in contro alle persone che hanno problematiche che diversamente impedirebbero loro  l’utilizzo del computer come un normo-dotato. Basta pensare, ad esempio, ai non vedenti. In effetti per loro è un problema poter utilizzare il computer se non fosse che, grazie allo sviluppo della tecnologia, possono essere dotati di un display braille.

Queste persone possono utilizzare il computer grazie ad alcuni programmi chiamati “Screen Reader”. Il programma identifica ed interpreta quello che compare sullo schermo e lo ripropone tramite un sintetizzatore vocale oppure tramite, appunto, un display Braille.

Un altro esempio, molto in voga negli ultimi tempi, è quello della tastiera virtuale. In pratica è possibile utilizzare il computer anche se non si ha una tastiera tradizionale, perché questa viene rappresentata sul display touch e tramite essa è possibile digitare qualunque cosa. Il monitor è costituito da uno schermo fatto in materiale plastico sensibile al tocco, che trasforma il segnale (la pressione di un tasto su un’area specifica), in azione (scrittura di un carattere o un Invio. Ultimamente questo tipo di tecnologia viene largamente utilizzata sui dispositivi mobili, come cellulari e smartphone di ultima generazione.

Un ulteriore esempio di altra tecnologia che permette l’accessibilità al computer è dato dai programmi di riconoscimento vocale. In pratica è un software che registra la voce dell’utilizzatore del computer e trasforma il segnale sonoro in lettere e parole scritte sul monitor. Si possono per esempi scrivere lettere da inviare tramite mail, semplicemente parlando al computer.